AGEVOLAZIONI PRIMA CASA E CAUSE DI DECADENZA

Dott. Paolo Martufi

L’acquisto di una “prima casa” consente importanti agevolazioni fiscali, ma quali sono le condizioni per poterne usufruire?

I requisiti da rispettare sono i seguenti:
– l’immobile deve essere di tipo residenziale e non di lusso;
– l’acquirente, persona fisica, non deve avere acquistato altri immobili con le agevolazioni prima casa su tutto il territorio nazionale;
– non si devono possedere altri immobili abitativi nello stesso comune;
– entro 18 mesi dal rogito occorre trasferire la residenza nel comune dove è situato l’immobile (non necessariamente nell’immobile stesso), oppure deve trattarsi del comune dove si lavora;
– il termine si riduce a 12 mesi se si stipula un mutuo per il quale si vogliono detrarre gli interessi passivi.

L’acquisto prima casa gode di agevolazioni fiscali importanti:
– nell’acquisto da privato, o da impresa in esenzione di IVA, l’imposta di registro è ridotta dal 9 al 2%;
– nell’acquisto da impresa con applicazione dell’IVA l’aliquota scende dal 10 al 4%.

Nel caso in cui, dopo l’acquisto agevolato non si voglia o non si possa più trasferire la residenza nel comune ove è ubicato l’immobile, si perdono le agevolazioni fiscali ma è possibile versare la differenza senza l’applicazione di sanzioni.
Per ottenere questo, in pendenza del termine, è necessario presentare istanza all’Agenzia delle Entrate con la quale si chiede la liquidazione delle imposte nella misura intera.
Se invece il termine è decorso ma non è ancora arrivato l’accertamento, si può presentare istanza all’Agenzia delle Entrate con la quale chiedere la liquidazione delle imposte e l’applicazione delle sanzioni ridotte del ravvedimento operoso.

I benefici si perdono anche nel caso di vendita dell’immobile prima che siano decorsi 5 anni dal momento dell’acquisto, senza che nei successivi 12 mesi venga effettuato l’acquisto di un nuovo immobile da destinare ad abitazione principale.
Anche in questo caso è possibile procedere con l’Agenzia delle Entrate per evitare l’applicazione delle sanzioni.

 

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in CONTRATTI, CONTROLLI FISCALI, IMPOSTE, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.