STABILITA’ 2016: ACQUISTO ABITAZIONE PRINCIPALE IN LEASING

Paolo Martufi

Law Book And Character Shows Books About Legal JusticeIn questo periodo dell’anno continuiamo a parlare di casa, questa volta volgendo lo sguardo ad una novità introdotta con la Legge di Stabilità 2016: la possibilità di acquistare la prima casa di abitazione con un contratto di leasing.

E’ certamente una soluzione innovativa, anche se negli ultimi anni si erano affacciate forme dirent to buy“, con poco successo; vediamo quindi di cosa si tratta:

la banca o l’intermediario finanziario concedente “si obbliga ad acquistare o far costruire l’immobile su scelta e secondo le indicazioni dell’utilizzatore, che ne assume tutti i rischi, anche di perimento, e lo mette a disposizione per un dato tempo verso un determinato corrispettivo che tenga conto del prezzo d’acquisto o di costruzione e della durata del contratto”. Alla scadenza del contratto è riconosciuta all’utilizzatore dell’immobile la possibilità di riscattare la proprietà del bene a un prezzo prestabilito.

Nell’eventualità si verifichi la risoluzione del contratto per inadempimento dell’utilizzatore l’istituto concedente ha diritto alla restituzione dell’immobile.

Per specifiche ragioni che determinino difficoltà nel pagamento dei canoni di leasing, sarà possibile chiedere la sospensione fino ad un periodo di 12 mesi; in questo caso il contratto sarà automaticamente prorogato per un periodo corrispondente. Fra gli eventi che consentono la richiesta di sospensione, e che devono essersi verificati dopo la stipula del contratto, vi sono la perdita del lavoro non dipendente da risoluzione consensuale, pensionamento, dimissioni o licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo.

Al termine del periodo di sospensione sarà possible riprendere i pagamenti sulla base dei medesimi accordi fissati in sede di stipula oppure sulla base di un successivo accordo finalizzato alla rinegoziazione delle condizioni.

La sospensione non determina applicazione di oneri aggiuntivi nè richiesta di maggiori garanzie.

Quali sono le misure fiscali previste per questo tipo di operazione?

Le agevolazioni, decorrenti dal 1° gennaio 2016 fino al 31 dicembre 2020, consistono in una detrazione d’imposta pari al 19% dei canoni e degli oneri accessori pagati nell’anno fino ad un massimo di 8.000 euro, nonchè del riscatto finale per l’acquisto dell’immobile fino ad un massimo di 20.000 euro; queste misure sono valide per i giovani acquirenti fino a 35 anni di età, con un reddito complessivo non superiore a 55.000 euro annui e che non siano titolari di immobili abitativi.

La stipula del leasing sarà possibile anche per gli over 35 con agevolazioni ridotte della metà; quindi fino a 4.000 euro di canoni e oneri accessori e 10.000 euro di riscatto per l’acquisto.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in DICHIARAZIONI, IMPOSTE, NORMATIVA, Oneri Detraibili/Deducibili, Redditi. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.