VERSAMENTO IN RITARDO DI IMU E TASI

Dott. Paolo Martufi

Lo scorso 16 giugno è scaduto il termine per pagare la prima rata 2017 per IMU e TASI sugli immobili, diversi da quelli adibiti ad abitazione principale non di lusso.

Se ti sei accorto di aver saltato questa scadenza oppure di aver versato meno di quanto avresti dovuto, puoi rimediare nei prossimi giorni utilizzando la modalità del “ravvedimento operoso”.

Ciò significa che le imposte possono essere pagate aggiungendo all’importo originario una sanzione in misura ridotta e l’interesse calcolato al tasso legale in vigore.

A partire dal 1° gennaio 2017 il tasso legale è fissato nella misura dello 0,1% annuo; nel caso del versamento per IMU e TASI dovrà essere ragguagliato all’effettivo numero di giorni di ritardo.

Per quanto riguarda la sanzione da applicare, questa è variabile secondo il momento in cui si decide di versare:
– Ravvedimento Sprint: nei primi 14 giorni di ritardo si applica la sanzione dello 0,1% per ogni giorno; quindi se il ritardo è di 3 giorni la sanzione sarà dello 0,3% dell’importo originariamente dovuto; se il ritardo è di 12 giorni la sanzione sarà dell’1,2% dell’importo dovuto, e così via;
– Ravvedimento Breve: dal 15° al 30° giorno di ritardo la sanzione è pari all’1,5% dell’importo dovuto, oltre agli interessi;
– dal 31° al 90° giorno di ritardo la sanzione sale all’1,67%, oltre agli interessi;
– Ravvedimento Lungo: oltre il 90° giorno e fino a un anno di ritardo la sanzione è del 3,75%, oltre agli interessi.

Nella compilazione del modello F24 di versamento si dovrà segnare, oltre la casella “acconto” anche quella “ravvedimento”, comprendendo l’importo determinato nello stesso codice tributo utilizzato per l’imposta originaria.

I codici da utilizzare per il versamento IMU li trovi qui

I codici da utilizzare per i versamenti TASI li trovi qui

Per procedere alla determinazione dei versamenti da fare è possibile avvalersi del software predisposto sul sito www.amministrazionicomunali.it , che trovi anche sotto la voce “risorse gratuite” nel menu principale di questo blog.

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in CONTROLLI FISCALI, IMPOSTE, PAGAMENTI, SERVIZI ONLINE. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.